"
Lifestyle & Glamour

Da Dua Lipa ad Anya Taylor-Joy: perché l’acconciatura beehive è tornata di moda

Amatissima da Amy Winehouse, fu inventata negli anni '60 da una parrucchiera italo-americana

Nei primi anni 2000 l’acconciatura beehive era sinonimo di Amy Winehouse e, con il passare degli anni, questo particolare hairlook torna a dettare tendenza, soprattutto grazie alle celebrità. Tradotto dall’inglese, beehive significa letteralmente alveare. La struttura dei capelli si estende in verticale e aumenta sempre più di volume, riportandoci al fascino retrò degli anni ’60. È allora che nacque questa acconciatura, grazie alla parrucchiera italo-americana Margaret Vinci Heldt.

Molto presto tutte le grandi attrici optarono per un’acconciatura beehive, da Audrey Hepburn a Brigitte Bardot, fashion icon dei loro tempi (e ancora oggi attuali). E, nel 2021, torna a dettare tendenza, complice anche il fascino delle star sul red carpet. Un esempio recente è proprio Dua Lipa, che ha sfoggiato un beehive sul red carpet dei Brit Awards 2021, rendendo quest’acconciatura più attuale che mai. Anche Anya Taylor-Joy, amatissima per La regina degli scacchi, ha presentato il suo beehive biondissimo alla premiere del film Emma, rendendolo moderno e glamour.

Il fascino intramontabile del beehive: l’acconciatura che ha fatto innamorare Amy Winehouse

Che il 2021 sia l’anno dei grandi ritorni è ormai un dato di fatto. La moda ha riproposto tantissimi elementi must have degli anni ’90, ma per i capelli dell’estate si torna negli anni ’60 e si trae ispirazione dalle acconciature che hanno incantato anche le icone di bellezza. Il beehive non è di facile realizzazione e, siccome prevede l’utilizzo di molta lacca per capelli, è consigliabile non esagerare e di sfruttarla soltanto per occasioni importanti.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da DUA LIPA (@dualipa)


Passiamo infine ai consigli per realizzare un’acconciatura degna di Amy Winehouse. Anche se la cantante aveva optato per un look più rock-chic, la struttura ad alveare prevede prima di tutto volume. In questo caso, è importante che la lunghezza del capello arrivi quantomeno alle spalle (più lunghi sono, più facile sarà). Altro consiglio da tenere a mente: quest’acconciatura vuole i capelli cotonati, di conseguenza bisognerà usufruire necessariamente di molta lacca (meglio se a tenuta extra strong). E tranquilli: la frangetta si sposa tranquillamente con questo hairlook, quindi non ponetevi limiti che non esistono.

LEGGI ANCHE: La tendenza capelli bicolor dell’estate è quella di Francesca Michielin

Cristina Migliaccio

Nata ad Ischia, ha studiato a Salerno dove ora vive Editoria e pubblicistica. Ha vissuto quattro anni a Roma diventando giornalista pubblicista. Appassionata di libri e di tutte le dinamiche dell’intrattenimento televisivo, soprattutto riguardo le serie TV. Si occupa di Moda, analizzando nel dettaglio i red carpet e le tendenze. Sul blog www.velvetgossip.it di VelvetMAG è curatrice di curiosità ignote ai più.
Back to top button
Privacy