"
Primo pianoSport

Tokio 2020, oggi il bronzo di Martinenghi, e gli argenti della staffetta e di Bacosi

Sesto e settimo sigillo arrivano dal nuoto. Poi arriva l'ottava medaglia dallo skeet

Miressi, Ceccon, Zazzeri e Frigo sono gli Azzurri d’argento nella staffetta 4×100 stile libero: Pochi istanti prima Martinenghi ha strappato in vasca il bronzo nei 100 rana. Dalla vasca di Tokio 2020 nella notte della terza giornata di gare sono arrivate la sesta e settimana medaglia.
Il secondo posto della staffetta è un risultato storico per i quattro moschettieri del nuoto, secondi soli alla corazzata statunitense. Mai nessuno delle squadre dei nostri sprinter era andata così in alto. Ultimo grande podio risaliva ad Atene 2004 nella 4 X 200 con i plurimedagliati Rosolino, Brambilla, Magnini e Cercato.
Martinenghi infine riporta una medaglia nella specialità della rana alle Olimpiadi 21 anni dopo l’indimenticabile oro di Domenico Fioravanti a Sidney 2000.
A mezza mattina è arrivato poi l’argento di Diana Bacosi, che non riesce a replicare l’oro conquistato a Rio 2016 per colpa di un piattello.
Ora le medaglie azzurre salgono a 8; siamo noni nel medagliere. Ma i nostri portacolori non si fermano.

Sesta medaglia: Martinenghi bronzo nei 100 metri rana

Nuota in 58′ e 33 centesimi lo sprinter della rana Nicolò Martinenghi. Conquista quindi la medaglia di bronzo, la quarta di questo metallo nella spedizione giapponese fino ad ora. Un Azzurro torna sul podio dei 100 rana 21 anni dopo Fioravanti a Sidney. Si è arreso solo al favoritissimo della vigilia, l’inglese Adam Peaty, e all’olandese Arno Kamminga.
Da sempre, in ogni allenamento, sognavo quei 15 metri finali” – è il commento a bordovasca dell’atleta che racconta la sua gara a Tokio 2020 – “E’ una cascata di emozioni che mi sono tenuto dentro per tanto tempo e che oggi mi è caduta addosso“.

Settima medaglia: Miressi, Ceccon, Zazzeri e Frigo argento nella staffetta 4×100 stile libero

Cambio degli attori in vasca e la gioia si fa ancora più grande. L’argento della staffetta è di quelli dai lucciconi agli occhi per la gioia. Gli attori dello splendido cortometraggio sono Alessandro Miressi, Thomas Ceccon, Lorenzo Zazzeri e Manuel Frigo nella 4×100 stile libero. Solo i velocissimi statunitensi hanno fatto meglio in queste Olimpiadi. Noi in ogni caso portiamo a casa per ora la settima medaglia di questa edizione a Tokyo 2020.
Si fermano ai microfoni di Rai Sport increduli: “Non ho parole, non so descrivere questo momento, abbiamo scritto una bella pagina della storia dello sport italiano“.
Ci siamo abbracciati prima di partire, eravamo convinti” – racconta Zazzeri subito dopo.
Per me era già impensabile essere qui, adesso addirittura una medaglia. Quando la vedrò, ci crederò“- chiosa Frigo recuperando le emozioni per quanto fatto.

Ottava medaglia: Diana Bacosi argento nello skeet

La 38enne azzurra, campionessa olimpica in carica di Rio 2016 ha conquistato la medaglia d’argento nello Skeet donne di Tokyo 2020. “Alla fine ho perso l’oro per un piattello: nello sport può succedere” – a fine gara è la stessa Diana Bacosi a raccontare che per un solo piattello non bissato il risultato della passata olimpiade. Si è imposta invece l’americana Amber English.
Speravo nell’oro, di bissare Rio, è arrivato l’argento ma ho dato tutto ciò che avevo e sono contenta così. Sono molto emozionata, è una medaglia che voglio dedicare a tutti gli italiani, perché è stato un anno difficilissimo per tutti: la pandemia ci ha messo in ginocchio ma noi, come popolo, siamo stati capaci di rialzarci, nella vita come nello sport” – ha spiegato la tiratrice – “In questo anno ho avuto difficoltà sportive, ma il mio ct Andrea Benelli mi ha tirato fuori dal momento nero e mi ha portato fino a qui, e a questo argento“.


LEGGI ANCHE: Tokio 2020, bronzo per Odette Giuffrida, Elisa Longo Borghini e Mirko Zanni

Ettore Mastai

Redazione interna – Esteri, Economia, Arte, Sport Giornalista professionista specializzato in politica estera ed economia. Si è laureato con lode nel 2007 con una tesi sulla rivoluzione Khomeinista. Negli anni dell’università ha coltivato la sua passione per la scrittura sportiva e per i temi del gambling. Per l’agenzia di stampa nazionale AGV News-Il Velino ha curato la sezione di Giochi e Scommesse e di Ippica e dintorni. Spesso si è occupato anche di politica nazionale in relazione ai suoi campi di azione giornalistica.
Back to top button
Privacy