"
Musica

Music for Change: Musica contro le mafie Awards premia Ministri e Lo Stato Sociale

Dal 15 al 25 settembre a Cosenza, l'evento sarà fruibile anche online. Ecco tutto quello che c'è da sapere

Dopo l’annuncio degli otto artisti ammessi alla fase live Sound Bocs e della speciale presenza dei musicisti Avincola e della band Fast Animals and Slow Kids, Music for Change – 12th Musica contro le mafie Award annuncia altre due band che riceveranno il Premio Speciale “Music for Change”: Ministri e Lo Stato Sociale.
La nuova edizione sarà un grande evento online e in presenza. Dal 14 al 25 settembre, un fitto programma di incontri, esibizioni e panel tematici andranno a riempire il palinsesto dell’evento. Lo show sarà visibile attraverso una piattaforma multicanale tra Instagram, Facebook, YouTube e Casa Sanremo TV.
Con una conferenza stampa on line è stata presentata, dal Presidente Gennaro de Rosa, la manifestazione Music for Change -12th Musica contro le mafie Award, che gode del supporto del Ministero delle Cultura rientrando tra i 24 progetti speciali scelti direttamente dal Ministro Franceschini.
Ministri
Ph: Chiara Mirelli

Music for Change contro le mafie

Da questo 2021 la manifestazione cambia il proprio nome in Music for Change fondendo le sue tre principali attività. Il premio Musica contro le mafie (arrivato alla sua 12 edizione), la 5 giorni di Musica contro le mafie e Sound Bocs, la Music Farm a sfondo civile che ha fatto da spartiacque tra il vecchio e il nuovo format. Nello scorse settimana la manifestazione nazionale, che si svolge da dodici anni a Cosenza, ha reso noti i primi dettagli del ricco programma confermandosi come il primo evento musicale Europeo a sfondo civile.

Il processo di rigenerazione e trasformazione di Musica contro le mafie parte dalla vocazione degli organizzatori per la costruzione di un network di realtà positive. Da oggi antepongono infatti la forza del “per” (quindi a favore di) alla forza del “contro” (che tende a ribaltare le condizioni sociali). L’Associazione Mvsm si è sempre schierata a favore dei diritti umani, dei diritti civili, contro le mafie ed ogni forma di prevaricazione.

L’evento

A Cosenza dal 14 al 25 settembre 2021 8 artisti – su 734 iscritti – parteciperanno alle fasi live della manifestazione che è denominata Sound Bocs. Sono Sugar da Bovolone (Vr); Vybes da Roma; Cubirossi da Pisa; Kumi  da Milano; Yosh Whale daSalerno; Alicèda Bari; Francesco Lettieri da Napoli e Cranìa da Berzo Demo (BS). Gli artisti verranno seguiti da 4 coach: Cecilia Cesario, Stefano Amato, Dinastia e Vladimir Costabile; e da 4 tutor: Cance, Sir & theivanoe, Alfredo Bruno e Francesco Malizia.

Le 8 tematiche

Sui diritti si gioca una partita decisiva per l’esistenza umana” – dichiara il Presidente Gennaro de Rosa. È su questo incipit che l’organizzazione di Music for Change invita con forza i partecipanti a fare la loro parte impegnandosi artisticamente a sviluppare i temi suggeriti dalla direzione artistica. I brani che saranno scritti e composti dagli 8 finalisti durante la residenza artistica, che poi presenteranno nella finale live; avranno i seguenti 8 temi: Resistenze e Democrazia, Ambiente ed Ecologia, Cittadinanza Digitale (e Derive), Parita di Genere e Diritti Lgbt+, Lavoro e Dignità, Migrazione e Popoli, Disuguaglianze e Marginalità Sociale, Rigenerazione e Futuro. Anche durante tutti incontri, esibizioni e panel tematici, i temi che si susseguiranno avranno come punto di partenza i suddetti argomenti.

Dove seguire Musica contro le mafie

L’air play della manifestazione punta a un pubblico in presenza ma anche e soprattutto si rivolge a “chi non c’è e non può esserci”. Un vero e proprio palinsesto Web/tv vedrà tutti gli incontri in diretta sui social ufficiali di Musica contro le mafie e di una reta di partner e sostenitori ad essi connessa.
L’intero palinsesto sarà inoltre trasmesso da Casa Sanremo TV. Sui canali ufficiali YouTube della manifestazione sarà possibile seguire in diretta h24 quello che accade nei BOCS, dove gli 8 finalisti vivranno e comporranno.

 

LEGGI ANCHE: ‘E forse sono pazzo’: l’esordio rock di Diodato è un album da riascoltare

Back to top button
Privacy