Paolo Di Pofi: “Il mio cambio look di Arisa”

Il talentuoso hairstylist e make up artist svela a VelvetMAG i segreti della nuova immagine della cantante

Da più di trent’anni il Maestro Paolo Di Pofi è l’artefice delle “teste” più belle del mondo dello spettacolo. A lui si rivolgono celebrities, attrici, influencer, professioniste, ma anche donne non solo della tv e del cinema, che desiderano sfoggiare una capigliatura curata, glamour, ma soprattutto non scontata. Il colore bruno caramello di Monica Bellucci è solo una delle magie di Di Pofi, hairstylist leader del settore, ma anche talentuoso make up artist e responsabile immagine della linea Hairdreams e Direttore Artistico per l’alta moda di Emsibeth Cosmetics. Da sempre impegnato nell’haute couture Paolo Di Pofi ha collaborato con i marchi fashion più importanti e dalla lunga tradizione come: Fendi, Versace, Roberto Cavalli, Laura Biagiotti, Ermanno Scervino; come per i nuovi stilisti emergenti, tra cui Anton Giulio Grande, con cui collabora da anni solo per citarne alcuni. Martina Stella è una delle sue fedelissime, insieme ad Uma Thurman, Naomi Campbell e Sabrina Salerno.

Lo scorso sabato nella trasmissione tv Ballando con le stelle abbiamo visto Arisa completamente trasformata: dal classico capello bruno; l’interprete di Sincerità sfoggiava un curatissimo e glamour capello platino alle spalle, solo uno delle ultime innovazioni di Di Pofi per la famosa cantante. Siamo andati a trovare il celebre hairstilyst nel suo elegante e centrale studio capitolino di Via del Tritone e ci ha accolto con il suo consueto garbo e ha rivelato in esclusiva ai lettori di VelvetMAG tutti i segreti del look di Arisa.

Intervista esclusiva a Paolo Di Pofi

 Come nasce la collaborazione con Arisa?
In verità ci conosciamo da poco, ci hanno presentato degli amici in comune e fin da subito è nato un rapporto straordinario che ci siamo legati soprattutto per fare un ottimo lavoro di immagine, un look che fosse adatto alla sua nuova veste più glamour e sofisticata che traspare anche nella nota trasmissione di Rai1. Dopo aver partecipato al Festival di Sanremo, Arisa ne era uscita con un’immagine non adatta alla sua personalità, un colore bruno scuro. Il mio intento era quello di infonderle un mood più femminile, più sensuale e più naturale. Ho quindi scelto di allungarle i capelli con delle estensioni. Dopodiché, come tutte le artiste trasformiste, per esigenze di copione, Arisa si è rasata. In vista della sua partecipazione a Ballando con le Stelle doveva avere invece un look iper femminile ed essere meno alternativa.

Cosa ha studiato quindi per lei?
Abbiamo iniziato con un carrè biondo che ha avuto un notevole successo.

Ci può illustrare la tecnica di questa particolare ed elegante acconciatura?
Dovendo lavorare con una base di un capello rasato di solo un centimetro mi sono avvalso della tecnologia di Hairdreams Italia. L’azienda mi ha fornito delle micro linee, che è in particolare una rete che viene attaccata alla testa, che fa da copertura. Ciò mi ha consentito di applicare le extension e creare il carré per infondere un look sensazionale, ma naturale al contempo. Nella puntata di sabato di Ballando con le Stelle ho fatto un altro cambio look.

In cosa consiste?

Ho reso i capelli di Arisa un po’ più lunghi, fino a coprirle la parte alta del seno e li ho impreziositi da una frangia. In questo modo le ho fatto ottenere un aspetto ancora più femminile, facendole acquisire una capigliatura nuova e ad effetto.

Maestro Paolo Di Pofi lei è l’artefice anche del cambio look di Sabrina Salerno, non è vero?
Sempre in occasione della trasmissione Ballando con le Stelle ho curato l’immagine della Salerno poiché la showgirl aveva tagliato un po’ troppo i capelli. Sabrina aveva necessità di un look più interessante che le consentisse di avere una testa più fluida durante il ballo. L’effetto è stato a dir poco straordinario, ho formulato un colore cioccolato di base sfumato con uno shatush biondo grano.

A chi consiglia la tecnica delle estensioni?

Parlare di estensioni è decisamente limitativo. Nell’immaginario collettivo si associa la parola extension ad una maggiore lunghezza di capelli. In verità non è solo questo il concetto. Oggi l’estensione è considerata come un tessuto per poter raggiungere qualsiasi tipo di immagine, non ultima quella di infoltire anche i capelli lunghi ed avere al contempo anche una maggiore lucentezza e corposità.

Quanto tempo è necessario per un cambio look del genere?
Viviamo in un’epoca dove tutto è molto rapido ed immediato. L’applicazione delle estensioni che propongo avviene in maniera molto veloce ed indolore, nel giro di massimo un’ora. L’estensione oggigiorno ci dà la possibilità di allungare la testa, di infoltirla, di creare dei pesi specifici e di dare ai capelli dei volumi che una donna non ha mai raggiunto in maniera naturale nella sua vita.

Paolo di Pofi a quale tipologia di donna consiglia il capello lungo?

Nel passato si diceva che il capello lungo dopo una certa età invecchia. Credo invece fermamente, con risultati tangibili, che quando si possiede una testa riempita di capelli il risultato che si ottiene è quello di un’immagine più giovane e sana. Un viso segnato dall’età con una maggiore quantità di capelli risulta più morbido, più giovane e più proporzionato. Dei lineamenti marcati e irregolari si camuffano e si ammorbidiscono con dei volumi importanti. Ciò automaticamente fa apparire una donna più bella. Questa ricerca della qualità di una testa migliore che acquista una maggiore bellezza va a nutrire una parte della nostra anima.

In che senso?

Il mio motto è la bellezza rende l’animo felice. Quando si ha una testa fluida, più sana e dei capelli non rovinati la donna è più sicura di sé in amore, nel lavoro, in tutti i rapporti interpersonali. La donna automaticamente si fortifica.

Paolo di Pofi quali saranno i trends per la moda capelli 2021/2022?
Per chi già possiede dei capelli lunghi mantenere delle lunghezze extra lunghe. Per le misure medie consiglio un carré o una lunghezza media. Va detto che bisogna sempre considerare la propria personalità e fare una scelta in funzione di essa, sicuramente personalizzata e non omologata alla massa.

Riguardo i colori cosa ci dice invece?

D’inverno il colore si scalda e si scurisce. Chi è bionda può optare sul ramato o comunque una tonalità bionda più calda. Per le castane consiglio degli hennè che sotto la luce virano sul rosso intenso. L’effetto glamour è comunque assicurato per tutte.

LEGGI ANCHE: Giuseppe Zanotti ad “Interviste in doppio petto” 

Exit mobile version