CinemaPrimo piano

Box office, Encanto ancora in testa in Italia: secondo posto per Cry Macho di Eastwood

Mentre il 60° classico Disney continua a racimolare successi, Eastwood debutta al secondo posto nel weekend

In attesa dell’arrivo sul grande schermo di House of Gucci e Diabolik – interpretato da Luca Marinelli, Miriam LeoneValerio Mastandrea, ospiti ieri sera a Che tempo che faEncanto continua a racimolare successi. Il 60° classico targato Disney, infatti, è per il secondo weekend di seguito in vetta al box office italiano. La vicenda, che ruota attorno a una ragazza colombiana e alla sua scoperta di non avere poteri magici (contrariamente al resto della sua famiglia), incassa altri 1.003.000 sul suolo nostrano, per un totale di 3.084.000 euro. Un successo che si conferma anche nel resto del mondo, superando i 116 milioni di dollari. Ciononostante, in termini di entrare si registra un calo generale del 24% rispetto alla settimana precedente (che tuttavia non ha arrestato l’ascesa del lungometraggio animato della Disney). Di seguito, dunque, la situazione totale degli incassi del weekend scorso.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Disney Italia (@disneyitalia)

Gli incassi del weekend al cinema: Encanto in testa al box office, Eternals record stagionale

Al secondo posto del box office italiano, contro lo strapotere di matrice disneyniana, troviamo il nuovo Clint Eastwood con Cry Macho – Ritorno a casa. Il regista e attore 92enne raccoglie in territorio nostrano, in appena quattro giorni, 364.100, per un totale mondiale di oltre 13 milioni (negli States, tuttavia, ha assistito a una distribuzione mista, tra sala e streaming su HBO Max).

Ancora una novità sul gradino più basso del podio: con un incasso di 297.700 euro debutta infatti la commedia per famiglie Clifford – Il grande cane rosso, basato sui libri di Norman Bridwell. A fronte di un budget di 64 milioni, ne ha incassati – per ora – 51. Ciononostante, la Paramount ne ha già confermato un sequel. D’altronde, così come il ritorno di Eastwood, anche questo lungometraggio ha assistito a una distribuzione mista, tra sala e streaming. Il box offic italiano prosegue poi con Ghostbusters Legacy, terzo capitolo della nota saga sceso al quarto posto.

Ghostbusters Clifford film

Il sequel sembra aver accontentato anche i fan più intransigenti e gli oltre 145 milioni di dollari d’incasso globale sembrano testimoniarlo. Nello scorso weekend, il film ha guadagnato altri 273mila euro, che portano la cifra in territorio nostrano a 2.197.000 totali. A metà classifica si ferma Liam Neeson, protagonista dell’action thriller L’uomo dei Ghiacci – The Ice Road, con un debutto di 186mila euro. Scende invece la commedia italiana Una Famiglia Mostruosa, alla sua seconda settimana, fino al sesto posto riscuotendo altri 164mila euro, per un totale di oltre 535mila. Per la quinta settimana, invece, Eternals è ancora stabile nella top10 nostrana. Il kolossal Marvel, targato Chloé Zaho e approdato alla 16a Festa del Cinema di Roma, raccoglie altri 148mila euro, arrivando a oltre 8.2 milioni di euro (record stagionale in Italia).

Eternals Marvel box office

Gli ultimi posti della top10 italiana

Chiudono gli ultimi tre posti della top10, rispettivamente, Resident Evil: Welcome to Racoon City, Caro Evan Hansen e The French Dispatch. Il primo, nuovo capitolo della celebre saga horror, occupa l’ottavo posto alla sua seconda settimana, incassando 116mila euro, per un totale dioltre 461mila. Al nono posto debutta invece il musical, trasposizione dell’omonimo spettacolo di Broadway, 95mila euro. Alla quarta settimana, invece, il nuovo lungometraggio di Wes Anderson occupa il decimo posto nel box office italiano, raccogliendo altri 90mila euro per un totale di quasi 2 milioni (1.997.071 euro).

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Timothée Chalamet (@tchalamet)

LEGGI ANCHE: Walt Disney, il padre di Topolino tra luci ed ombre

Lorenzo Cosimi

Cinema e tv

Romano, dopo la laurea triennale in Dams presso l’Università degli Studi Roma Tre, si è poi specializzato in Media, comunicazione digitale e giornalismo alla Sapienza. Ha conseguito il titolo con lode, grazie a una tesi in Teorie del cinema e dell’audiovisivo sulle diverse modalità rappresentative di serial killer realmente esistiti. Appassionato di cinema, con una predilezione per l’horror nelle sue molteplici sfaccettature, è alla ricerca costante di film e serie tv da aggiungere all’interminabile lista dei “must”. Si dedica alla produzione seriale televisiva con incursioni sui social.

Back to top button
Privacy