"
MusicaPrimo piano

Disco d’oro per la celebre sigla “Occhi di gatto” di Cristina D’Avena

Dopo 36 anni, il meritato traguardo del brano di uno dei cartoni animati più amati da intere generazioni

A distanza di 36 anni dalla sua prima pubblicazione in vinile, la sigla Occhi di gatto di Cristina D’Avena viene certificata disco d’oro dalla FIMI nella sezione singoli online per lo streaming e il download digitale nella settimana n. 52 del 2021. Un meritato traguardo per un brano ancora amatissimo da milioni di follower, conosciuto e tramandato da intere generazioni di bambini e non. La canzone è scritta da Alessandra Valeri Manera e composta da Ninni Carucci su etichetta RTI S.p.A. L’artista bolognese ha commentato attraverso i propri social il suo entusiasmo per il riconoscimento ricevuto:

“Ragazziiii! ✨ Mi hanno appena comunicato che il brano “Occhi di gatto” è stato certificato oro!📀 Sono contentissima che questa sigla sia nel cuore di milioni di italiani! Grazie mille a tutti voi, al maestro Ninni Carucci e alla grande Alessandra Valeri Manera… Vi amoooo! 👁️👁️❤️.

Occhi di gatto cartone animato

Il cartone è recentemente arrivato su streaming dopo la prima messa in onda italiana del 1985 così da far rinnamorare il pubblico per una delle serie animate giapponesi più seguite nel nostro Paese. La storia delle tre ladre ideata da Tsukasa Hojo, era nata come shonen manga, ovvero, fumetto pensato esclusivamente per il pubblico maschile, presente in Giappone dal 1981 al 1985. Ma, ha riscontrato un notevole successo nella versione animata conosciuta da tutti la quale sigla è da sempre cantata da Cristina D’Avena.

Cristina D’Avena e Loredana Bertè: il duetto di Occhi di gatto 

Ad anticipare nel 2017 l’uscita di Duets, il nuovo album di Cristina D’Avena, è stata Occhi di Gatto. La voce per eccellenza delle sigle dei cartoni animati ha sorpreso le tante generazioni cresciute intonando i testi dei cartoon con un disco che ha riportato i grandi successi della cantante sulla cresta dell’onda. Con Loredana Bertè, due voci, due forze per cantare l’abilità di tre sorelle furbissime e – come cita la sigla – bellissime.

Nel singolo, Cristina D’Avena la canta di mestiere, mentre la Bertè irrompe con la sua voce graffiante nel ritornello. Un barlume di ricordi per i più nostalgici, che ben 4 anni fa hanno riascoltato i testi della loro “fanciullezza” con un ritorno a dir poco sorprendente. Ed oggi, quasi al termine di questo 2021, Occhi di gatto raggiunge un altro traguardo dopo ben 36 anni. Un disco d’oro più che meritato. Riascoltiamo dunque la sigla del cartoon più amato dagli italiani e non, assaporando quei pomeriggi di fine Anni Ottanta.

LEGGI ANCHE: Simona Molinari torna un po’ meno ‘egocentrica’ con “Tempo da consumare”

Teresa Comberiati

Spettacolo, Tv & Cronaca Rosa

Calabrese, a vent’anni si trasferisce a Roma dove attualmente vive. Amante della fotografia quanto della scrittura, negli anni ha lavorato nel campo della comunicazione collaborando con diverse testate locali in qualità di fotografa e articolista durante la 71ª e 75ª Mostra Internazionale D’Arte Cinematografica. Ha già scritto il suo primo romanzo intitolato Il muscolo dell’anima. Colonna portante del blog di VelvetMAG dedicato alla cronaca rosa e alle celebrities www.velvetgossip.it, di cui redige ogni mese la Rassegna Gossip.

Back to top button
Privacy