NewsPoliticaPrimo piano

Incubo Covid sul Quirinale: incognita grandi elettori, positivi 3 ministri

Omicron spaventa perché al crescere dei contagi potrebbero diminuire i parlamentari chiamati a eleggere il nuovo Presidente della Repubblica

La lista dei positivi al Coronavirus si allunga giorno dopo giorno e incombe sulle elezioni per il Quirinale. L’impennata dei contagi colpisce anche gli esponenti del Governo Draghi. La Farnesina fa sapere che durante il periodo natalizio il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, ha avuto il Covid. Ora però, dicono dal ministero, è già guarito e “sta bene“. Anche il collega grillino Federico D’Incà, ministro per i Rapporti con il Parlamento, è positivo e attualmente in isolamento. Contagiato inoltre Vittorio Colao, ministro per l’Innovazione tecnologica e la Transizione digitale.

Governo, i ministri contagiati

Di Maio ha contratto il virus durante il periodo natalizio, ma nelle ultime 24 ore ha effettuato un tampone risultato negativo. Si presume quindi che sarà presente al momento della scelta del nuovo Capo dello Stato al Quirinale. “Sta bene, da domani sarà al ministero“, confermano dal suo staff alla Farnesina. “In molti mi state scrivendo, vi ringrazio per tutti questi messaggi e per il pensiero che mi state dedicando – ha scritto Di Maio su Facebook – Sono stato positivo al Covid, ma voglio tranquillizzarvi: sto bene. Il mio ultimo tampone è negativo e già da domani tornerò a lavorare in presenza“. D’Incà, invece, nonostante abbia già ricevuto la terza dose della somministrazione del vaccino, è in isolamento nella sua casa di Belluno. Per il ministro qualche sintomo leggero del Covid, spiegano fonti a lui vicine.

Covid-Ministri-Positivi
Da sinistra Di Maio, D’Inca e Colao: ministri positivi al Coronavirus

PD e M5S, appello a Mattarella?

Lo spauracchio per l’elezione al Quirinale resta sempre Omicron, e quindi il dilagare dei contagi Covid. In sostanza: l’eventualità che l’esercito dei ‘grandi elettori’ possa assottigliarsi. Anche per questo motivo PD e Movimento Cinque Stelle continuano a non escludere un ultimo, quasi disperato, appello a Sergio Mattarella perché resti al suo posto. Ma il Presidente della Repubblica ha già fatto sapere quali sono le sue intenzioni e, quindi, la trattativa per ora è su altri piani.

Quirinale, trattativa bloccata

E comprende ovviamente non solo il nome di chi dovrebbe sostituire Mattarella ma anche chi debba, eventualmente, andare a palazzo Chigi nel caso di un ‘trasloco’ di Mario Draghi al Quirinale. Ma la trattativa è ferma. La candidatura de facto di Silvio Berlusconi paralizza i giochi fra Centrodestra e Centrosinistra. Non solo. Mario Draghi terrà una conferenza stampa domani 10 gennaio sulle nuove misure anti Covid ma è difficile che si pronunci sul suo futuro. Ribadirà che l’Italia ha fatto da apripista sull’obbligo vaccinale e che le scelte non sono emerse da diktat delle forze politiche ma dalla necessità di trovare soluzioni equilibrate.

Quirinale Draghi Berlusconi
Draghi e Berlusconi tra i favoriti per succedere a Mattarella

LEGGI ANCHE: Caos Quirinale: Berlusconi non molla, Conte fatica, nel PD sognano Mattarella

Domenico Coviello

Attualità, Politica ed Esteri

Professionista dal 2002 è Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze. Come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione web de La Nazione, Il Giorno e Il Resto del Carlino, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a City, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli. Un passaggio alla Gazzetta dello Sport a Roma, e al desk del Corriere Fiorentino, il dorso toscano del Corriere della Sera, poi di nuovo sul sito di web news FirenzePost. Ha collaborato a Vanity Fair. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma.

Back to top button
Privacy