MusicaPrimo piano

Whitney Houston, 10 anni la tragica morte che non ha mai spento la sua inconfondibile voce

La tragica morte della stella afroamericana avvenne proprio l'11 febbraio del 2012, forse travolta dal suo successo

Una delle voci più iconiche e talentuose che negli ultimi anni la musica internazionale ha potuto ascoltare. Peccato che il tragico destino ha reso così breve la sua carriera. Sono passati ben 10 anni da quando l’11 febbraio del 2012 Whitney Houston è stata trovata nella vasca da bagno nell’hotel in cui alloggiava priva di vita. Il successo l’aveva ormai forse travolta e non gli aveva lasciato via di scampo. La causa del decesso era stata giudicata accidentale in seguito a un eccessivo uso di droghe in combinazione con l’arteriosclerosi.

Soprannominata ‘The Voice‘ da Ophra Winfrey, l’artista è arrivata all’apice del suo successo negli Anni ’80 quando il mercato gli ha concesso di arrivare dove i cantanti afroamericani ancora non gli era concesso arrivare. Con i suoi brani è arrivata a dominare la classifica Billboard Hot 100, nella quale ha battuto ogni record. Eccola in una delle sue canzoni più iconiche:

La voce tra le più iconiche nella musica, oggi come 10 anni fa

Nella sua carriera Whitney Houston conta ben 6 Grammy e 22 American Music Awards. Senza contare i suoi più grandi successi. Da Greatest Love of All nel 1986 a I Wanna Dance with Somebody (Who Loves Me) arrivato solo un anno più tardi, fino al più conosciuto singolo firmato nel 1992, I Will Always Love You. Alla fine degli Anni ’90 sono arrivati però i primi problemi per la cantante afroamericana, dovuti a un matrimonio violento con Bobby Brown e una causa legale con il padre per questioni legate alla sua carriera. Per questo, Whitney Houston è finita in un tunnel dal quale sembrava non poter più uscire. Dalla figura della brava ragazza che si era creata negli anni è finita a lasciarsi andare agli eccessi della droga che l’hanno condotta poi al suo tragico destino.

Whitney Houston

Sono già trascorsi 10 lunghi anni da quando abbiamo dovuto dire ‘addio‘ alla Houston. Ci ha lasciati a soli 48 anni in un stanza d’hotel a Beverly Hills. La sua ultima apparizione pubblica, nella quale si è esibita, risale al 9 febbraio del 2012 a Hollywood. Solo qualche giorno dopo la cantante avrebbe dovuto partecipare a una serata in suo onore dedicata ai Grammy Awards, a cui però non ha mai presenziato. L’evento è stato così trasformato in una serata in suo tributo, che allo stesso modo avrebbe rappresentato anche uno spettacolo musicale.

Qualche anno dopo anche la figlia ha seguito lo stesso destino della madre, trovata priva sensi all’interno della sua vasca da bagno. Dopo sei mesi di coma, anche Bobbi Kristina Brown ci ha lasciati. Nel 2020 Whitney Houston ha ricevuto anche una targa nella Rock and Roll Hall of Fame. Il mondo della musica l’ha voluta ringraziare quella voce che ha cantato gli Anni ’80 degli eccessi e dell’opulenza. We’ll always love you, Whitney Houston!

LEGGI ANCHE: Piero Pelù, i 60 anni del “Toro Loco” attraverso le sue canzoni

Chiara Scioni

Intrattenimento & Cronaca rosa

Romana, esperta di logistica con la passione per il canto, motivo per cui è un'appassionata di talent show. Dai blog locali che fin da giovanissima frequenta per coltivare la passione della scrittura. Sceglie la facoltà di Lingue e Culture Straniere presso l’Università di RomaTre per approfondire alcuni ambiti multiculturali che l'appassionano del mondo anglosassone e latino. Predilige la cronaca rosa, infatti è una delle curatrici del blog di VelvetMAG dedicato ai VIP www.velvetgossip.it, ma non disdegna moda, Tv e intrattenimento.

Back to top button
Privacy