"
MondoNewsPrimo piano

Ucraina, l’annuncio di Mosca: “Ritiriamo le truppe”. Kiev: “Ci crederemo quando lo vedremo”

Oggi Vladimir Putin incontrerà il cancelliere tedesco Olaf Scholz

Svolta nella crisi ucraina, oggi 15 febbraio, alla vigilia del giorno in cui – mercoledì 16 febbraio – secondo gli Stati Uniti Mosca avrebbe potuto invadere il territorio di Kiev. Alcune forze armate russe si starebbero ritirando dalla frontiera per rientrare alle proprie basi. L’annuncio di Mosca arriva il giorno dopo l’apertura del Cremlino a “seri negoziati” con la Nato e con gli Usa.

Russia e Ucraina, guerra di annunci

Sarcastica la portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova. “La data del 15 febbraio del 2022 entrerà nella Storia come il giorno del fallimento della propaganda di guerra da parte dell’Occidente. Svergognati e annientati senza sparare un colposcrive su Telegram. Secca la replica dell’Ucraina. “La Russia fa costantemente dichiarazioni – dichiara il ministro degli Esteri ucraino Dmytro KulebaEcco perché abbiamo la regola di non credere alle affermazioni quando le ascoltiamo, ma di credere quando vediamo. Quando vedremo le truppe russe ritirarsi, crederemo nella riduzione dell’escalation“. Dal canto suo il presidente dell’Ucraina, Volodymyr Zelensky, ha annunciato sui social finanziamenti per 3 miliardi di dollari dagli Usa a Kiev dopo l’ultimo colloquio con Joe Biden.

Mosca, 130mila soldati al confine

Nelle ultime settimane la Russia ha schierato fino a 130mila soldati vicino alle frontiere di Kiev. La motivazione formale era quella di compiere esercitazioni militari, ad esempio quelle congiunte con le forze armate bielorusse al confine settentrionale dell’Ucraina. Una forma di pressione senza precedenti su Kiev e sull’Occidente che aveva determinato una vera e propria escalation verso una possibile guerra, con la temuta invasione dell’Ucraina da parte della Russia. A riferire del parziale ritiro russo è stato oggi il ministero della Difesa di Mosca, citato dall’agenzia di stampa Tass. “Le unità dei distretti militari meridionali e occidentali, dopo aver completato i loro compiti, hanno già iniziato a ritirarsi“, ha detto il portavoce del ministero della Difesa russo Igor Konashenkov.

Scholz Mosca Russia Putin
Il cancelliere Scholz a Mosca. Foto Twitter @Bundeskanzler

Ucraina, Scholz parla con Putin

La mossa dei russi appare come un atto distensivo, quantomeno per preparare un terreno di dialogo in vista dell’incontro, oggi 15 febbraio a Mosca, fra il presidente Putin e il cancelliere tedesco Scholz. La Germania stessa aveva chiesto alla Russia di “ritirare le proprie truppe” schierate ai confini dell’Ucraina. Lo aveva dichiarato la ministra degli Esteri, Annalena Baerbock. “La situazione è particolarmente pericolosa e può degenerare in qualsiasi momento” aveva avvisato Baerbock. “Noi dobbiamo utilizzare tutte le opportunità di dialogo per ottenere una soluzione pacifica“.

Invasione, tensione, “isteria

Ieri, al termine dell’incontro con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, Scholz aveva ribadito che “la sovranità e l’integrità territoriale dell’Ucraina non sono negoziabili. Ci aspettiamo dalla Russia chiari segnali di de-escalation, un attacco all’Ucraina avrebbe gravi conseguenze“. Ma soprattutto Scholz aveva sottolineato che l’ingresso dell’Ucraina nella Natonon è in agenda, eppure “la Russia stranamente agisce come se lo fosse“. Di oggi, come detto, l’avvio di un parziale ritiro delle truppe russe. E non è mancata, come è noto, la risposta di Mosca ai ripetuti annunci degli Stati Uniti circa il fatto che l’invasione russa possa avvenire da un momento all’altro. “Un’isteria” l’hanno definita al Cremlino.

LEGGI ANCHE: Draghi: prime prove di resistenza

 

Domenico Coviello

Attualità, Politica ed Esteri

Professionista dal 2002 è Laureato in Scienze Politiche alla “Cesare Alfieri” di Firenze. Come giornalista è “nato” a fine anni ’90 nella redazione web de La Nazione, Il Giorno e Il Resto del Carlino, guidata da Marco Pratellesi. A Milano ha lavorato due anni all’incubatore del Grupp Cir - De Benedetti all’epoca della new economy. Poi per dieci anni di nuovo a Firenze a City, la free press cartacea del Gruppo Rizzoli. Un passaggio alla Gazzetta dello Sport a Roma, e al desk del Corriere Fiorentino, il dorso toscano del Corriere della Sera, poi di nuovo sul sito di web news FirenzePost. Ha collaborato a Vanity Fair. Infine la scelta di rimettersi a studiare e aggiornarsi grazie al Master in Digital Journalism del Clas, il Centro Alti Studi della Pontificia Università Lateranense di Roma.

Back to top button
Privacy