"
Arte e CulturaPrimo piano

Veronica Pivetti al Teatro Duse con “Stanno sparando sulla nostra canzone”

Lo spettacolo travolgente in scena dal 25 al 27 marzo prossimo nel teatro bolognese

Veronica Pivetti sarà sul palco del Teatro Duse di Bologna con “Stanno sparando sulla nostra canzone”. Si tratta di una black story musicale di Giovanna Gra, in scena dal 25 al 27 marzo. Le repliche venerdì e sabato alle ore 21, domenica alle 16.

Uno spettacolo incalzante, dalle atmosfere retrò, travolte e stravolte da un allestimento urban contornato dai fumi colorati delle strade di Manhattan, da mitra, occhiali scuri, calze a rete, e canzoni. Per l’acquisto dei biglietti è possibile recarsi alla biglietteria del teatro, oppure effettuare l’acquisto online tramite il sito ufficiale o Vivaticket.

Courtesy Press Office

Bologna, al Teatro Duse Stanno sparando sulla nostra canzone con Veronica Pivetti

Ambientato nell’America dei mitici Anni Venti, Stanno sparando sulla nostra canzone ci riporta agli anni d’oro e ruggenti. I baci e gli abbracci non sono più sconsigliati, l’epidemia di Spagnola è un lontano ricordo, e in ogni pentola, o quasi, frigge quel che passa il convento, ma anche una bella manciata di futuro fresco e tutto da scoprire. I ragazzi e le ragazze scampati al pericolo si corteggiano e sanno che la speranza è l’ultima a morire.

Courtesy Press Office

La storia, portata sul palco da Veronica Pivetti è pronta a catapultare il pubblico nel pieno del proibizionismo. Si tratta di un periodo in cui la malavita prospera e con essa un folto sottobosco di spregiudicati. Ma in questa l’atmosfera apparentemente poco rassicurante, entrano di soppiatto sprazzi di contemporaneità con canzoni fra le più note e trascinanti della musica pop e rock. Nello show, la Pivetti veste i panni di Jenny Talento, che nella vita lavora come fioraia. Ma si tratta di un lavoro di facciata, perché in realtà è una venditrice d’oppio by night che finisce col cedere alle avances di un giovane e inesperto giocatore di poker: Nino Miseria, interpretato da Brian Boccuni.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Teatro Duse (@teatroduse)

Sul palco, insieme ai protagonisti, c’è tutta la voglia di rinascere dopo i terribili anni della pandemia. Questa voglia di riappropriarsi delle proprie vite soffia sulla passione dei due giovani. Jenny si lascia trascinare in un mondo perduto fatto di malavita, gelosia e amore. Ma tutto cambia quando Micky Malandrino (Cristian Ruiz), il gangster più temuto della città, pretende dalla protagonista il risarcimento di un debito contratto dal suo amante.

Courtesy Press Office

Jenny sulle prime cede, ma poi ci ripensa e trascina gli spettatori in un epilogo dove la resa dei conti è inaspettata ed esplosiva.

LEGGI ANCHE: “Donatello, il Rinascimento”: la mostra dedicata al ‘maestro dei maestri’

Roberta Gerboni

Beauty & Royal affairs

Siciliana, vive a Roma. Appassionata di scrittura e giornalismo fin da giovane, inizia il proprio percorso in redazione a 17 anni, occupandosi di cultura e attualità. Per tre anni redattore del Corriere di Gela, si è dedicata alla redazione di articoli per varie testate online.
Laurea Magistrale con Lode in Lettere Classiche all' Università degli Studi di Siena, dopo aver conseguito la laurea triennale in Lettere a Catania.
Appassionata di salute, bellezza e delle vite dei reali di tutto il mondo.

Back to top button
Privacy