"
Primo pianoSportStorie e Personaggi

Tennis, Un Sinner principesco, ma è Zverev a volare in semifinale

Il n.3 del mondo fa valere la classifica a Monte Carlo. Jannik lotta in una condizione fisica non perfetta ma non basta

“Il tennis fa male”. Lo dice il grande Paolo Bertolucci in telecronaca e questa frase la rubiamo per raccontare appieno il match del Master di Monte Carlo tra Alexander Zverev e Jannik Sinner.

Il terzo quarto di finale in terra monegasca dura 3 ore e 7 minuti di lotta dura, finita per 2 set a 1 a favore del gigante tedesco, con il punteggio di 5-7; 6-3; 7-6(5). Oltre 200 punti giocati per passare il turno e volare in semifinale dove il n.3 del mondo incontrerà il vincente tra Stefanos Tsitsipas (detentore del titolo) e Diego Schwartzman. Mentre l’altra semifinale vedrà in campo Davidovich-Fokina vs Dimitrov.

Ci ha provato fino in fondo Jannik Sinner a contenere gli errori (anche se la percentuale di prime di servizio è ancora il problema da risolvere). Ma ogni singola volta che accorciava i colpi, Alexander Zverev entrava con tutto il suo peso di palla e alla fine – al netto dei soliti ‘folli’ passaggi a vuoto – ha prevalso di fisico e di esperienza. Contro l’altoatesino che a sua scusante continua ad avere seri problemi alle vesciche.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Supertennis TV (@supertennistv)

La partita di Sinner e la ‘follia’ di Zverev

La partita è sintetizzabile plasticamente in un passaggio del terzo set quando Zverev batte da sotto, sbaglia e poi ci aggiunge anche un doppio fallo. Sinner più solido mentalmente, è costretto a restare aggrappato al match come può, ma lo castiga. Nonostante siano passati a quel momento ben 2 h e 12 minuti, siamo un set pari, e 2 giochi pari, la ‘follia’ del tedesco – per cui esiste una lunga casistica sia in campo, che fuori – non basta a fargli perdere il match. Salvato da una migliore percentuale di prime, da una pesantezza di palla figlia di una robustezza da giocatore fatto e finito, magari non del tutto maturo nei comportamenti, ma completato da 198 cm per 90 kg di peso. A cui aggiungere un comunque un grande talento.

Jannik ha giocato meglio del solito, come era accaduto in ottavi contro Rublev. Attento e positivo specie nell’atteggiamento: ci mette testa e cuore. Così arriva oltre a dove lo porterebbero naturalmente i suoi colpi. C’è tanto da fare sia a livello di preparazione fisica – Zverev sul finale ne aveva di più – sia sul piano del gioco. Dove si apprezzano in questo secondo quarto di finale Mille della carriera i cambiamenti maggiori, vesciche permettendo.

LEGGI ANCHE: Buon Compleanno Matteo Berrettini: n.1 del tennis italiano, forte e divo quel che serve

Angela Oliva

Direttore Responsabile
Pugliese di nascita, muove le sue prime esperienze giornalistiche tra Palio, Sport e Cronaca bianca a Siena durante il periodo universitario divenendo pubblicista subito dopo la laurea con lode in Scienze della Comunicazione. Con il trasferimento a Roma inizia il praticantato che la porterà a diventare professionista nel 2008. Si è occupata di gambling, dipendenze, politica estera (ha una seconda laurea sempre con lode in Scienze internazionali e diplomatiche), ippica, economia. Ha collaborato con giornali, TV (Telenorba), l'agenzia di stampa nazionale Il Velino-AGVNews e con diverse realtà specializzate. Diverse le esperienze in agenzie come account ed advisor del settore bancario, di associazioni di categoria, di comunicazione pubblica, turismo, trasporti, cybersecurity, compliance & risk management, telecomunicazioni, 5G e di gaming.
In parallelo si è occupata di Comunicazione strategica e Marketing come manager in azienda - trasferendosi a Rimini - assumendo spesso anche la responsabilità delle Relazioni esterne. Ha approfondito, con due diversi master, anche i temi della Corporate Social Responsibilty e della Sostenibilità.

Back to top button
Privacy