Primo pianoTendenze Moda

Donatella Versace, auguri all’icona della moda

La vita della famosa designer, simbolo di glamour internazionale

67 anni oggi di cui almeno cinquanta dedicati alla moda, discese agli inferi e rapide risalite, questa è la storia di Madame Donatella Versace. La chioma biondo platino, il look dark e i tacchi altissimi sono il marchio di fabbrica per la stilista tra le più iconiche al mondo.

Donatella è la quintessenza dell’estetica Anni Novanta, rappresenta pienamente la passione per il lusso e per il bello.

Le origini di Donatella Versace

Donatella Francesca Versace, questo il suo nome completo, nasce il 2 maggio 1955 a Reggio Calabria da un uomo d’affari e una sarta dell’aristocrazia locale. È la più giovane di quattro figli, Tina 8 (che morirà di tetano a 12 anni), Santo e Giovanni, detto Gianni. Dalla Calabria a Hollywood, dai primi incarichi a fianco del fratello Gianni fino alla direzione creativa del marchio della Medusa per arrivare alla vendita della maison. Una donna che ha saputo salvare se stessa e ha confermato il successo globale del suo marchio. Tutto ciò facendo certamente scelte coraggiose, ma che si sono sempre rivelate vincenti.

Il rapporto con il fratello Gianni

Donatella fin da piccola ha un profondo legame con il fratello Gianni. Lui utilizzava la sorella come modella per le sue creazioni e la rendeva protagonista della sua creatività. E così succedeva che l’allora dodicenne Donatella camminasse per le strade di Reggio Calabria con indosso minigonne colorate e alti cuissardes, indossando le creazioni del fratello. Da lì a poco Gianni spicca il salto per Milano e si fa strada nel mondo della moda, disegnando le prime collezioni e inaugurando feconde collaborazioni. Insieme al fratello Santo da vita al marchio debuttando con una sfilata memorabile a Palazzo della Permanente nel 1978. Impossibile resistere a un richiamo così forte per Donatella che, dopo aver conseguito la laurea in Lingue e letteratura straniere a Firenze, raggiunge Gianni a Milano per aiutarlo.

Fin dagli esordi Donatella Versace diviene la più preziosa collaboratrice del fratello

Il marchio della Medusa, scelto come simbolo della maison perché sottolineava con orgoglio le origini meridionali della famiglia e, al contempo, si rifaceva al mito del carattere seduttivo della Gorgone che non lasciava scampo a chi la guardava, comincia a imporsi nella moda e i fratelli Versace si apprestarono a conquistare il mondo puntando su un’immagine forte, costruita anche attraverso la cura precisa delle pubbliche relazioni di cui Donatella aveva la responsabilità.

Gianni e Donatella Versace
Il linguaggio del brand mixa con disinvoltura elementi contemporanei della pop art a fascinazioni della cultura greca, impronte barocche a ricami psichedelici e avveniristici. Uno stile ultramoderno, declinato in capi iconici per l’epoca tra fuseaux aderentissimi e abiti in maglie di fibre di metallo, minidress in seta a motivi geometrici.

Per le campagne pubblicitarie Donatella Versace chiama i più grandi fotografi al mondo

Helmut Newton, Herbs Ritts, Bruce Weber e Steve Meisel firmarono alternativamente l’immagine Versace di quegli anni, ma saranno soprattutto gli scatti memorabili di Richard Avedon a traghettare la maison nel firmamento della moda con un sodalizio che rimarrà impresso per anni nella storia. Ma Donatella Versace non si ferma, coinvolge le più grandi star mondiali come ambassador della maison. Tra queste: Madonna, Elton John, Sting, Jon Bon Jovi, nomi che si rivelano vincenti.

Donatella Versace gli amori tormentati ed i figli

Nel frattempo Donatella si sposa con il modello americano Paul Beck con il quale ha due figli Allegra e Daniel. La stilista assume la direzione creativa di Versace Young e di Versus, la linea a target più giovane del gruppo. Sono gli anni segnati dal rapporto indissolubile tra i due fratelli. Quando la mattina del 15 luglio 1997 Gianni Versace muore assassinato sui gradini di Casa Casuarina a Miami Beach, il mondo di Donatella va in frantumi. La stilista tenta di emergere e cerca di risollevare le sorti di una maison che non erano più magnifiche e progressive, ma viravano decisamente al tragico.

La dipendenza dalla droga

A un anno dalla scomparsa di Gianni, nel luglio del 1998 Donatella presenta la sua prima collezione per Versace. In un’intervista a Ssence ha confidato che a quel brutto periodo è legata anche la dipendenza da cocaina, di cui è rimasta schiava per quasi vent’anni. Un periodo difficile per Donatella Versace, che ne esce anche grazie all’amico Elton John, che la porta in un centro di disintossicazione in Arizona.

Tra le sue creazioni più iconiche è impossibile dimenticare il jungle dress

Un abito indossato nel 2000 da Jennifer Lopez per i Grammy Awards, talmente googlato in rete da sancire la nascita di Google image. Donatella disegna altre creazioni spettacolari per accompagnare le performance delle sue star preferite. Madonna e Prince, che lei considera da sempre inarrivabili, ma anche Elton John, RihannaBeyoncéBruno Mars e Lady Gaga, che non solo le dedica un’intera canzone, Donatella  (nell’album  Artpop del 2013), ma che negli anni indossa gli abiti dell’archivio storico di Gianni, evento mai successo prima.

Ci hanno provato tutti ad ostacolarmi, soprattutto agli inizi: ‘Sei una donna, occupati di fare i tuoi vestitini, poi noi decidiamo se vanno bene o no’: a dirlo erano uomini con la cravatta e il completo grigio, laureati in Economia, che pensavano di sapere cosa avrebbe funzionato senza mai essere usciti di casa.” Donatella Versace si racconta in una recente intervista pubblicata da Vogue Italia. “Una laurea l’ho presa anche io, eh, ma la moda non si può insegnare, devi essere tu a guardarti intorno, uscire, capire. E ho pensato, dopo molti anni, che se Gianni mi consultava per tutte le sue decisioni più importanti, forse non ero così incompetente come volevano farmi credere”.

LEGGI ANCHE: Vittorio Camaiani: “Vorrei una moda più lenta che sappia arrivare al cuore”

Elena Parmegiani

Moda & Style

Giornalista di moda e costume, organizzatrice di eventi e presentatrice. Consegue la Laurea Magistrale in Comunicazione Istituzionale e d’Impresa all’Università “La Sapienza” di Roma. Muove i primi passi lavorativi con gli eventi per il Ferrari Club Italia, associazione di possessori di vetture Ferrari. Da più di dieci anni è il Direttore Eventi della Coffee House del prestigioso museo Palazzo Colonna a Roma; a cui di recente si è aggiunto quello di Direttore Eventi della Galleria del Cardinale Colonna. Ha organizzato e condotto molte sfilate di moda per i più importanti stilisti italiani. Come consulente è specializzata nella realizzazione sia di eventi aziendali, sia privati. Scrive di moda, bon ton (con una sua rubrica), arte e spettacolo. Esperta conoscitrice dei grandi nomi della moda italiana, delle nuove tendenze del Fashion e del Made in Italy. Cura anche la rubrica di Velvet dedicata al Wedding.

Back to top button
Privacy