A muso duro: Flavio Insinna è Antonio Maglio, inventore delle Paralimpiadi

La storia del medico che ha donato una seconda vita a giovani con visibilità limitata, stasera su Rai1

Arriva stasera su Rai1 A muso duro – Campioni di vita, film incentrato sulla vita del medico Antonio Maglio, interpretato da Flavio Insinna. Per la regia di Marco Pontecorvo, la pellicola racconterà la figura di colui che ha sempre creduto nel potere dello sport, ribaltando il concetto di disabilità.

A muso duro: Flavio Insinna è Antonio Maglio, inventore delle Paralimpiadi
Screenshot

Dopo aver brevemente indossato la divisa del Colonnello Flavio Anceschi, nella prima puntata di Don Matteo 13, Flavio Insinna si è avvolto nel camice da medico. Il celebre conduttore e interprete sarà infatti, stasera Antonio Maglio nel film televisivo A muso duro – Campioni di vita. La pellicola biografica sarà incentrata sulla figura del medico e dirigente dell’Inail che ha dato ai giovani con mobilità limitata una nuova vita. Convinto del potere riabilitativo dello sport, Maglio è infatti riuscito a far disputare la prima Paralimpiade al mondo. Era il 1960 e, grazie a lui, nulla sarebbe più stato come prima.

A muso duro
Screenshot

A muso duro – Campioni di vita: la storia di Antonio Maglio stasera in prima serata su Rai 1

Il tempo si riavvolgerà fino agli Anni Cinquanta. Il centro riabilitativo di Villa Marina, situato a Ostia, sul litorale di Roms, è stata una struttura nota per aver ospitato molti ragazzi, ormai con le ali tarpate e privi di futuro. Il tutto, prima dell’arrivo di Antonio Maglio. Grazie all’impegno speso nella causa, infatti, il dottore è stato in grado di pensare un posto, con lo scopo di far seguire giovani tetraplegici, affiancandoli in una percorso sia psicologico che fisico. Ben preso, il modello ideato dal medico nostrano ha iniziato ad essere preso come paradigma anche da altre figure di spicco nell’ambiente, al di fuori dei confini italiani.

A muso duro
Screenshot

Nel 1960, con l’inizio del nuovo decennio, Antonio Maglio ha deciso di alzare la posta in gioco. Il dottore, sfruttando gli stessi impianti sportivi eretti per le Olimpiadi da poco giunte al termine, si è impegnato per far disputare le prime Paralimpiadi. Nonostante le numerose difficoltà incontrate nel suo percorso, Maglio era sicuro della sua idea e, ben presto, è riuscito a raccogliere i frutti del suo lavoro. I numeri, d’altronde, hanno parlato chiaro: Maglio ha organizzato una manifestazione che ha coinvolto 400 sportivi provenienti da 23 Nazioni diverse e interessando una platea di quasi 5mila tifosi a Roma. Era il 18 settembre 1960 e quel giorno è stato uno spartiacque, poiché ha contribuito a declinare una nuova accezione di disabilità, non più di ostacolo per una vita “normale”.

A muso duro
Screenshot

Per la regia di Marco Pontecorvo (regista di Alfredino – Una storia italiana), A muso duro vanta nel proprio cast – oltre a Flavio Insinna nel ruolo principale – anche Paola Minaccioni, Claudia Vismara e Massimo Wertmuller. Il film andrà in onda stasera in prima serata su Rai1 dalle ore 21.25.

Cinema e tv

Romano, dopo la laurea triennale in Dams presso l’Università degli Studi Roma Tre, si è poi specializzato in Media, comunicazione digitale e giornalismo alla Sapienza. Ha conseguito il titolo con lode, grazie a una tesi in Teorie del cinema e dell’audiovisivo sulle diverse modalità rappresentative di serial killer realmente esistiti. Appassionato di cinema, con una predilezione per l’horror nelle sue molteplici sfaccettature, è alla ricerca costante di film e serie tv da aggiungere all’interminabile lista dei “must”. Si dedica alla produzione seriale televisiva con incursioni sui social.