International Day of Light: 5 benefici dell’esposizione alla luce del sole

Oggi nel giorno in cui si festeggia in tutto il mondo esploriamone il significato per corpo e mente a cui non dovremmo rinunciare

Oggi 16 maggio in tutto il mondo si celebra l’International Day of Light. Interessante parlare in questa occasione di quali siano i benefici quotidiani della luce su persone, società e spazi urbani. Ce ne sono in particolare alcuno che meritano una menzione speciale.

International Day of Light: 5 benefici dell’esposizione alla luce del sole

Sul fronte del benessere, l’esposizione alla luce solare aiuta, ad esempio, l’organismo a produrre maggiori quantità di vitamina D. Una corretta esposizione alla luce del sole, dunque, può garantire grandi benedici per la salute del corpo e della mente.

Ma gli effetti dell’illuminazione arrivano a influenzare direttamente anche l’ambito economico e produttivo, a grande vantaggio delle imprese. La luce, inoltre, è un fattore determinante anche per la progettazione urbanistica delle città e degli spazi urbani e di socialità. Dichiara Marcello Arosio, Art Director del Kernel Festival: “La luce è universale, fondamentale tanto per un bambino quanto per un anziano e ogni giorno determina lo stato d’animo di ciascuno di noi dal risveglio fino a una piacevole serata trascorsa in piazza con gli amici, passando per l’ambiente di lavoro. Quando poi la luce, la sua intensità, la sua cromia e la sua dinamica vengono progettate per trasformare uno spazio, o un momento, si crea emozione, e questo, in un modo o nell’altro, muove chiunque: tutti provano un’emozione e sviluppano un senso critico nell’ammirare quella che mi piace chiamare “architettura liquida”, ossia un’interpretazione artistica degli edifici con opere di video mapping che attraverso le immagini proiettate su di essi ne trasformano la percezione fisica donandogli un senso diverso, coinvolgente e da condividere”.

I benefici della luce da ricordare per l’International Day of Light

L’International Day of Light è una ricorrenza annuale promossa dal 2018 dall’Unesco. Questa giornata internazionale è nata con lo scopo di indagare e far riflettere sul ruolo vitale giocato dalla luce in bari ambiti. Dalla scienza alla cultura, dallo sviluppo sostenibile all’arte, dall’istruzione all’economia. La luce, dunque, è un elemento benefico e l’esposizione alla luce del sole regala enormi benefici al nostro organismo. Ecco quali sono quelli da non sottovalutare.

1. Dormire meglio. Una maggiore esposizione alla luce del sole, secondo numerosi studi, aiuta a rendere più lungo e di qualità il riposo notturno, facendo guadagnare, in media, 46 minuti di sonno a notte.

2. Messa a fuoco e benefici della vista. La luce naturale regala benefici anche alla nostra vista. Una corretta esposizione, infatti, contribuisce a ridurre del 51% l’affaticamento degli occhi, consentendo una migliore messa a fuoco delle immagini.

3. Elimina lo stress. Molti di noi si accorgeranno che dopo una lunga esposizione al sole ci si sente più rilassati. Secondo alcuni studi, infatti, restare esposti alla luce solare per 30 minuti al giorno contribuisce ad una riduzione dei livelli di ansia e stress, accrescendo il benessere psico-fisico.

4. Diminuisce la depressione. La luce naturale regola alcuni disturbi tra cui il Disturbo Affettivo Stagionale. La sua mancanza è responsabile dell’aumento della depressione nei mesi freddi e con poca luce.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Science Ceilidh (@science_ceilidh)

5. Aumenta i livelli di vitamina D. La vitamina D, risorsa chiave per combattere ansia, depressione, diabete e dolore cronico è una delle più importanti per l’organismo. L’esposizione alla luce del sole aiuta ad aumentarne i livelli. Questa vitamina ha un ruolo benefico per il corpo. Migliora i ritmi circadiani e la qualità del sonno, aiutando a concentrarsi meglio, consente di essere più produttivi e rende persino più felici.

Beauty & Royal affairs

Siciliana, vive a Roma. Appassionata di scrittura e giornalismo fin da giovane, inizia il proprio percorso in redazione a 17 anni, occupandosi di cultura e attualità. Per tre anni redattore del Corriere di Gela, si è dedicata alla redazione di articoli per varie testate online.
Laurea Magistrale con Lode in Lettere Classiche all' Università degli Studi di Siena, dopo aver conseguito la laurea triennale in Lettere a Catania.
Appassionata di salute, bellezza e delle vite dei reali di tutto il mondo.