Berrettini trionfa al Queen’s per il secondo anno consecutivo

Dopo Stoccarda la scorsa settimana centra la seconda vittoria sull’erba al rientro dopo l’operazione alla mano

Berrettini vince e si conferma campione del Queen’s. Nona vittoria consecutiva dal rientro dopo l’operazione alla mano che vale il secondo titolo, quello di oggi a Londra dopo la vittoria nell’ATP di Stoccarda in bacheca dalla scorsa settimana. Stacca con 7 titoli vinti complessivi Paolo Bertolucci. Ora nel mirino ci sono i 9 di Fognini e i 10 di Panatta nell’era Open, per incrementare quei 77 titoli totali italiani al maschile.

Berrettini trionfa al Queen’s per il secondo anno consecutivo
@EPA/TOLGA AKMEN - Ansa

Entra nell’élite dei grandissimi che hanno vinto questo torneo inglese sull’erba per due volte di fila. Matteo Berrettini era stato il primo giocatore della storia Open a vincere alla prima partecipazione lo scorso anno. In questa edizione è tornato e ha riscritto il suo nome nell’albo d’oro, per la seconda volta consecutiva. L’ottavo tennista dell’Era Open a conquistare il torneo per (almeno) due volte di fila dopo McEnroe (1979-’80-’81), Connors (’82-’83), Becker (’87-’88), Lendl (’89-’90), Hewitt (2000-’01), Roddick (2000-’01-’02) e sir Andy Murray (2015-’16).

@EPA/TOLGA AKMEN – Ansa

L’azzurro, n.10 del ranking, rientrato dopo 84 giorni di assenza, ha battuto seccamente in due set Filip Krajinovic, serbo numero 48 al mondo, mettendo in bacheca il quarto su dieci tornei disputati sul verde. L’ultimo atto del torneo britannico – ATP 500 – è durato 1 h e 33 minuti ed è terminato con il punteggio di 7-5, 6-4.

La sintesi del match: due set dominati da Matteo Berrettini

Primo Set – Dopo i primi giochi con andamento on serve il primo break, dopo tante occasioni, Berrettini lo costruisce con il rovescio a rete al quinto gioco sul colpo più sicuro per il serbo e in teoria più debole per l’italiano. Arriva subito il contro break di Krajinovic. Ma l’azzurro strappa nuovamente il servizio sul 5 pari e va a servire per il match. Chiude in sicurezza la prima frazione con il punteggio di 7 a 5 concretizzando nei numeri la superiorità di gioco che aveva portato ben 6 palle break complessive.

@EPA/TOLGA AKMEN – Ansa

Nella seconda frazione si conserva l’equilibrio on serve fino al al due pari, quando Berrettini strappa di forza e classe il servizio a zero. Conferma il break di vantaggio con un turno di servizio autorevole e vola 4 a 2. Il romano controlla di potenza il match e nell’ultimo gioco con due ace consecutivi si conferma campione. Alla fine saranno 14 gli ace, che confermano la tenuta mentale e la concentrazione del n.1 azzurro che vince con grande autorevolezza anche con solo il 58% di prime di servizio in campo.

Matteo … con vista Wimbledon

L’ultima cosa che mi sarei aspettato era vincere due tornei al rientro dopo l’infortunio. Anzi non solo vincere due tornei, tornare e poter confermare il titolo qui. Devo ringraziare il mio team.” – spiega Berrettini nelle dichiarazioni a fine match – “Non colpivo come prima al rientro, ma sono italiano noi ci lamentiamo sempre. Ora non mi lamento”.
Poi torna sull’impresa fatta con l’umiltà che da sempre lo contraddistingue: “ogni volta che cammino nei corridoi vedo chi ha vinto prima di me e oggi posso solo essere molto contento e ringraziare il pubblico per il sostegno. Non avrei potuto chiedere una preparazione migliore in vista di Wimbledon, ma in verità ero qui per difendere il mio titolo“.

@EPA/TOLGA AKMEN – Ansa

La vittoria al Queen’s – ancora di più di quanto noi di VelvetMAG predicemmo lo scorso anno – lo proietta tra i grandi favoriti per i Championship. I bookmaker inglesi quotano Matteo Berrettini tra i primi tennisti favoriti per la vittoria insieme al detentore Djokovic – l’unico capace di regolare Matteo sulla superficie negli ultimi due anni – e Nadal, al rientro tra i tanti dubbi dopo il trionfo a Parigi. La grinta, la classe, la forza: tutti ingredienti che potrebbero fargli fare come – e si spera da tifosi – meglio della finale dello scorso anno. Per vincere dove nessun italiano ha mai vinto prima.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Tennis TV (@tennistv)

Direttore Responsabile
Pugliese di nascita, muove le sue prime esperienze giornalistiche tra Palio, Sport e Cronaca bianca a Siena durante il periodo universitario divenendo pubblicista subito dopo la laurea con lode in Scienze della Comunicazione. Con il trasferimento a Roma inizia il praticantato che la porterà a diventare professionista nel 2008. Si è occupata di gambling, dipendenze, politica estera (ha una seconda laurea sempre con lode in Scienze internazionali e diplomatiche), ippica, economia. Ha collaborato con giornali, TV (Telenorba), l'agenzia di stampa nazionale Il Velino-AGVNews e con diverse realtà specializzate. Diverse le esperienze in agenzie come account ed advisor del settore bancario, di associazioni di categoria, di comunicazione pubblica, turismo, trasporti, cybersecurity, compliance & risk management, telecomunicazioni, 5G e di gaming.
In parallelo si è occupata di Comunicazione strategica e Marketing come manager in azienda - trasferendosi a Rimini - assumendo spesso anche la responsabilità delle Relazioni esterne. Ha approfondito, con due diversi master, anche i temi della Corporate Social Responsibilty e della Sostenibilità.