"
LifestylePrimo pianoStorie e Personaggi

San Valentino: le regole per proteggersi dalle insidie del dating online e dell’amore virtuale

I consigli di Kasperky per proteggere se stessi e i propri dati sensibili durante la vostra ricerca tra app e siti d'incontri

San Valentino è la festa che celebra gli innamorati e coloro che hanno voglia di farlo. Negli ultimi anni è cresciuto il numero di utenti che si rivolgono ai siti web per incontri alla ricerca della propria anima gemella. E online si aprono completamente, mettendo a disposizione un’enorme quantità di informazioni personali e dati sensibili. L’immensa condivisione di informazioni ha fatto sì che alcuni utenti cadessero vittima di trappole digitali come il doxing. Per questo Kaspersky incoraggia coloro che usano app e siti di dating online a proteggere i loro dati e garantire la loro privacy digitale. Ecco come fare in poche e semplici mosse.

Kaspersky, gli ultimi dati sul dating online

L’utilizzo di app di dating è aumentato ampiamente durante gli ultimi due anni. Tuttavia, un recente studio condotto da Kaspersky ha rilevato che il 67% degli italiani ha paura di subire stalking da persone conosciute online, mentre il 14% è stato vittima di doxing. Ad oggi, infatti, molte di queste app richiedono agli utenti di registrarsi attraverso account social, mettendo pericolosamente a disposizione i propri dati sensibili.

I dati memorizzati sui profili delle app di dating sono molto ambiti dai truffatori. Questo ha portato le stesse app a sviluppare sistemi e protocolli di crittografia, iniziando a prestare maggiore attenzione alla privacy dei propri utenti. Ma non sempre i problemi riguardano i dati personali disponibili online. Anno dopo anno, infatti, i ricercatori hanno rilevato che le attività di scamming si intensificano a ridosso del giorno di San Valentino. Oltre ad imitare le popolari app per raccogliere informazioni personali sulle vittime, i cybercriminali hanno iniziato a diffondere email fingendosi donne alla ricerca di un partner. La truffa prevede l’invio di una mail contenente un link diretto ad sito che imita un originale sito per incontri e chiede alla vittima di completare un form. Alla fine si richiede all’utente di inserire le proprie credenziali bancarie. Ciò crea danni alla vittima, che perde dati, soldi e la reale possibilità di conoscere nuove persone.

I consigli per proteggersi al meglio questo San Valentino

Per contrastare tutti questi rischi, che aumentano a dismisura durante i giorni di San Valentino, l’azienda per la sicurezza informatica Kaspersky ha stilato un alcuni consigli:

  • Non collegare l’account social al profilo dell’app di dating. Il rischio è quello di diffondere troppe informazioni sensibili.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Kaspersky Italia (@kasperskylabitalia)

  • Non condividere il proprio numero di cellulare o altri contatti di messaggistica. Sempre meglio limitarsi ad usare esclusivamente le piattaforme di messaggi integrate alle app, ed è saggio farlo finché non si è sicuri di potersi fidare della persona con cui si sta chattando.
  • I cybercriminali potrebbero tentare di rubare alcuni dati privati. Fare attenzione se la persona con cui si chatta chiede di scaricare e installare un’applicazione, o inizia a porre domande personali in merito al nome del primo animale domestico o a quello del proprio insegnante preferito. Si tratta, infatti, delle più comuni domande di sicurezza.
  • Diffidare dai bot: se si ha una strana sensazione riguardo ad una chat o se le risposte non sembrano essere “coerenti” con la domanda posta, è altamente probabile che si stia chattando con un robot.

LEGGI ANCHE: L’Istituto Europeo di Design di Roma e Cult firmano l’anfibio di San Valentino

Roberta Gerboni

Beauty & Royal affairs

Siciliana, vive a Roma. Appassionata di scrittura e giornalismo fin da giovane, inizia il proprio percorso in redazione a 17 anni, occupandosi di cultura e attualità. Per tre anni redattore del Corriere di Gela, si è dedicata alla redazione di articoli per varie testate online.
Laurea Magistrale con Lode in Lettere Classiche all' Università degli Studi di Siena, dopo aver conseguito la laurea triennale in Lettere a Catania.
Appassionata di salute, bellezza e delle vite dei reali di tutto il mondo.

Back to top button
Privacy