Esclusiva VelvetMusicaPrimo piano

Yuman, un artista “senza etichette” e con la voglia di far musica

Yuman si è raccontato in esclusiva a VelvetMag dall'esperienza sul palco dell'Ariston fino al suo primo EP

Yuman si è fatto conoscere durante la sua esperienza prima a Sanremo Giovani, dove ha trionfato al primo posto, e successivamente tra i big del Festival di Sanremo. Un artista che ha molto da raccontare e che, soprattutto, ha voglia di sperimentare. 

Un artista che si definisce “senza etichette“, che non vuole identificarsi in un unico stile o genere, ma vuole spaziare nel panorama musicale e scoprire sempre nuovi orizzonti. Yuman è questo e molto altro. Si è fatto conoscere al Festival di Sanremo, ma la sua musica già esisteva dal 2018 quando ha pubblicato il suo singolo di debutto, Twelve. Lui che è sempre stato uno spirito libero. I suoi viaggi lo hanno aiutato a definire il suo carattere, aperto e multiculturale. A qualche settimana dall’uscita del suo ultimo EP, Qui, noi di VelvetMAG abbiamo deciso di incontrare Yuman per chiedergli come ha vissuto questo salto verso il successo e parlare dei suoi progetti futuri.

Yuman - Festival di Sanremo
Courtesy of Press Office

Intervista esclusiva di Yuman a VelvetMAG

Qual è stato il tuo primo approccio con la musica che oggi non è più solo una passione, ma il tuo lavoro
Ho iniziato suonando la chitarra e quella è stata la cosa che mi ha fatto avvicinare a questo mondo. Poi nel corso degli anni mi sono interessato sempre a più artisti, ma quello che mi piaceva di più ‘coverizzare‘ era Ed Sheeran. Chitarra e voce, nei primi album che faceva.

Il tuo percorso di vita ti ha portato spesso a viaggiare all’estero. Tutto ciò ha influenzato il tuo stile musicale? Come lo definiresti?

Assolutamente, più che il mio stile, proprio il modo di vivere la musica, ma anche i miei punti di vista e i modi di pensare. Lì a Londra c’era tantissima gente che veniva da diverse parti del mondo, quindi si creava questo punto d’incontro che suscitava nuovi stimoli. Non mi piace etichettare il mio stile. Mi piacerebbe essere libero, ma se proprio devo penso di essere molto vicino al soul.

Yuman Sanremo Giovani
Courtesy of Press Office

A Sanremo sei stato protagonista di un doppio salto: prima la vittoria nei Giovani e poi la gara tra i big. Te lo aspettavi?

Mai. Infatti, è stata una grande sorpresa, ma soprattutto una grandissima opportunità. Siamo stati stracontenti.

Il palco dell’Ariston è sicuramente il sogno di ogni artista italiano, raccontaci le tue emozioni cantando Ora e qui.

A Sanremo Giovani è stato molto emozionante, ma tra i big lo è stato ancora di più. Gareggiare con tutti quei grandi artisti pazzeschi, ne sono fiero veramente. È stato un grande lavoro ed è stato bellissimo essere lì.

Yuman concerti
Courtesy of Press Office

Il tuo nuovo brano invita a mettersi al centro delle proprie scelte e a cogliere l’attimo. Tu hai saputo cogliere l’attimo nella vita?

Penso di sì. Aver fatto la scelta giusta o sbagliata è difficile da capirlo, è una cosa molto soggettiva. Io penso di aver preso le scelte giuste perché ci ho sempre creduto. Poi chi lo sa, un giorno si vedrà.

Per quale brano hai tifato, oltre per il tuo?

Alla fine posso ammettere di cantare sempre quella di Gianni Morandi, Apri tutte le porte. Mi sono piaciuti in tanti, è stato un bel Festival molto vario.

Yuman
Courtesy of Press Office

Dopo il Festival è arrivato Qui il tuo ultimo EP.

È un album misto, metà in inglese e metà in italiano, dal sound molto acustico. Si tratta di un soul mescolato con vari generi e tematiche che mi andavano di affrontare. Un album nato per suonarlo live. Tutti i brani hanno un filo logico a livello di sound, mentre per le tematiche mi piace variare. E poi, ovviamente, ci sono anche i brani sanremesi.

Sei anche finalmente tornato in live dopo un lungo periodo di stop dettato dalla pandemia. Com’è stato poter tornare a cantare dal vivo?

Bellissimo, non se ne poteva più. Poi il live è una cosa fondamentale. Io vivo per quello. Mi piace dal contatto con il pubblico alla voglia di stupire, di dare il meglio di sé. Adesso si torna a Milano il 5 aprile al Tunnel Club. Poi, il 22 luglio arriveremo anche all’Orvieto Summer Festival insieme a Noemi. Sarà una bella data anche quella.

Yuman
Courtesy of Press Office

Prima di salutare i lettori di VelvetMAG, vuoi lasciarci qualche anticipazione sui tuoi prossimi progetti musicali?

Si, assolutamente. Stiamo già preparando nuovi singoli, perché penso che non bisogna mai fermarsi e quindi continuiamo a scrivere, scrivere, scrivere. E poi chi lo sa cosa succederà, vi lascio una finestra sul forse.

Riparteciperesti a Sanremo?

Ma chi lo sa, mai dire mai. Vi lascio nel dubbio.

LEGGI ANCHE: Céline Dion, la storia di un’artista che canta l’amore

Chiara Scioni

Intrattenimento & Cronaca rosa

Romana, esperta di logistica con la passione per il canto, motivo per cui è un'appassionata di talent show. Dai blog locali che fin da giovanissima frequenta per coltivare la passione della scrittura. Sceglie la facoltà di Lingue e Culture Straniere presso l’Università di RomaTre per approfondire alcuni ambiti multiculturali che l'appassionano del mondo anglosassone e latino. Predilige la cronaca rosa, infatti è una delle curatrici del blog di VelvetMAG dedicato ai VIP www.velvetgossip.it, ma non disdegna moda, Tv e intrattenimento.

Back to top button
Privacy