"
Arte e CulturaPrimo piano

Violenza contro le donne: i volti sfigurati di Kate Middleton e Kamala Harris nella campagna di Alexsandro Palumbo

Le donne più famose sono diventate il simbolo della lotta alla violenza di genere, anche domestica

Tagli, lividi, ematomi e segni di percosse: immaginate tutto ciò nei volti delle donne più famose al mondo. Da Kate Middleton a Kamala Harris, passando per Ursula Von Der Leyen e la regina Letizia di Spagna: i volti di queste donne appaiono gonfi per una campagna di sensibilizzazione sulla violenza domestica.

Violenza contro le donne: la campagna di sensibilizzazione che coinvolge principesse e donne di potere

Volti coperti di lividi, lividi violacei sotto gli occhi, cicatrici e graffi sulla guancia o sul sopracciglio e naso rosso. Vedere l’immagine raffigurante così il volto di una qualsiasi donna è già di per sé impressionante, ma se nella foto appare un personaggio molto noto, è ancora peggio. E per questo motivo, dunque, sta facendo molto discutere l’ultima campagna messa in campo per sensibilizzare l’opinione pubblica contro la violenza domestica e contro le donne. Da Milano alle città spagnole, infatti, sono apparsi cartelloni pubblicitari in cui le donne simbolo della campagna sono le protagoniste della scena politica internazionale. Si tratta di principesse e regine, come Kate Middleton Letizia di Spagna. Non manca Kamala Harris, vicepresidente degli USA, né la Presidente della Commissione Europea Ursula Von Der Leyen, o la Presidente della Banca Centrale Europea Christine Lagarde.

Il progetto di Alexsandro Palombo

La campagna, che compare proprio nel mese dedicato alla sensibilizzazione contro la violenza sulle donne, è dell’artista Alexsandro Palombo. A partire dal 26 novembre, dunque, le locandine hanno fatto capolino nelle principali città europee. Nella didascalia delle immagini si legge: “Lo Aveva Denunciato. Nessuno le ha creduto. L’hanno lasciata sola. Non è stata protetta. Ma lui non è stato arrestato. Ma è stata uccisa lo stesso“.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da aleXsandro Palombo (@alexsandropalombo)

Sebbene l’iniziativa abbia raggiunto positivamente l’opinione pubblica e abbia suscitato interesse a livello internazionale, il The Sun ha sollevato il dubbio sulla legittimità. Il progetto, infatti, avrebbe visto la realizzazione senza il consenso delle donne protagoniste delle locandine. L’artista, però, ha commentato la sua scelta sui social senza cedere alla polemica. Ha scritto: “A che serve denunciare se poi una donna non ha la protezione delle istituzioni e finisce per essere uccisa lo stesso? Come può una donna che subisce abusi e violenze avere ancora fiducia nelle istituzioni? Vedo solo una politica che invita le donne a denunciare ma senza assumersi la responsabilità di dare a tutte loro protezione e supporto. Uno stato che non protegge e lascia sole le donne nelle mani del loro aguzzino diventa complice silenzioso“.

LEGGI ANCHE: Ricordando Chadwick Boseman, l’unico e inimitabile T’Challa di “Black Panther”

Roberta Gerboni

Beauty & Royal affairs

Siciliana, vive a Roma. Appassionata di scrittura e giornalismo fin da giovane, inizia il proprio percorso in redazione a 17 anni, occupandosi di cultura e attualità. Per tre anni redattore del Corriere di Gela, si è dedicata alla redazione di articoli per varie testate online.
Laurea Magistrale con Lode in Lettere Classiche all' Università degli Studi di Siena, dopo aver conseguito la laurea triennale in Lettere a Catania.
Appassionata di salute, bellezza e delle vite dei reali di tutto il mondo.

Back to top button
Privacy