"
Primo pianoStorie e Personaggi

Leo Gassmann: la terza generazione di una dinastia di artisti

Buon compleanno al giovane cantautore e presto psicologo. Il grande orgoglio di papà Alessandro

Leo Gassmann, cantautore italiano dal talento creativo. Ha conquistato il grande pubblico nel 2018 quando, sul palco di X Factor è arrivato dritto nei cuori dei telespettatori soltanto con la voce (quella sì comunque ereditata dalla dinastia di cui porta il cognome, ma usata in un arte diversa) e la sua chitarra. All’interno del programma, allora nel team di Mara Maionchi, si è fatto ricordare per il suo particolare timbro e approccio musicale. Personale e autentico, timido e intrigante. Esattamente come i testi delle sue canzoni che lo stanno portando sempre più alla ribalta.

Subito dopo la prova del palco dell’Ariston, ed è subito un primo posto, nella categoria Nuove Proposte, vince il Festival di Sanremo. È il 2020, e su quel palco calcato dai più grandi artisti della musica italiana, il figlio di Alessandro Gassmann diventa una delle nuove star dell’industria discografica portando sul piccolo schermo Vai bene così, brano scritto, come ha raccontato lui stesso, mentre la madre Sabrina Knaflitz faceva la pasta. “L’ho scritta quando sono tornato a casa e mamma faceva la pasta (sorride, ndr), mentre il resto dell’album l’ho scritto la scorsa estate durante un viaggio che ho fatto in tenda. Mi sono girato tutta l’Europa. Ho dormito sui fiumi, sui laghi e gran parte del disco l’ho creato proprio in quel viaggio, fra quei posti”, aveva raccontata a noi di VelvetMAG pochi giorni prima del suo debutto al Festival di Sanremo.

Nella vita di Leo Gassmann non c’è solo la musica

“Siamo nani sulle spalle dei giganti” ci ricordava il giovane cantautore prima di salire sul palco della 70esima edizione della manifestazione canora. Una teoria che affermava uno dei suoi filosofi preferiti. E se stare sulle spalle dei sapienti – come diceva, appunto, Bernardo di Chartres – è una grande virtù. E lui ha avuto la fortuna di nascere con i “suoi” grandi sapienti familiari: il padre Alessandro e, soprattutto, il nonno Vittorio Gassmann. Leo, sognatore e ragazzo riservato, si costruisce il futuro da solo, distante dai due. Come ha sempre fatto fin dai tempi di X Factor. E continua a farlo, e non solo nella musica. Il giovane artista nato a Roma nel 1998, continua a scrivere le canzoni del suo prossimo disco.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Leo Gassmann Official (@leogass.official)

Nel frattempo, Leo, ha in programma un altro evento altrettanto importante. Lo ha raccontato il padre Alessandro Gassmann. L’attore, protagonista della nuova fiction Rai Un professore, orgoglioso da sempre del proprio ragazzo, nel corso di un’intervista rilasciata a Vanity Fair ha dichiarato che il figlio ha un altro genere di  appuntamento importante proprio il prossimo dicembre, ovvero la laurea in Psicologia e affari internazionali: “Sono fiero di lui, tutto quello che ha fatto è frutto dello studio e del suo talento. Non vedo l’ora di chiamarlo dottore. In merito al Festival di Sanremo, l’attore non ha idea se Leo parteciperà alla nuova edizione. Ovviamente il pubblico non aspetta altro di rivedere il cantautore in gara. E nell’attesa di ascoltare i suoi nuovi brani, la redazione di VelvetMAG si unisce agli auguri per il suo 23esimo compleanno che compie oggi, lunedì 22 novembre. Buon compleanno!

LEGGI ANCHE: Rocco Hunt, l’artista che non ha mai dimenticato le sue radici

Teresa Comberiati

Spettacolo, Tv & Cronaca Rosa

Calabrese, a vent’anni si trasferisce a Roma dove attualmente vive. Amante della fotografia quanto della scrittura, negli anni ha lavorato nel campo della comunicazione collaborando con diverse testate locali in qualità di fotografa e articolista durante la 71ª e 75ª Mostra Internazionale D’Arte Cinematografica. Ha già scritto il suo primo romanzo intitolato Il muscolo dell’anima. Colonna portante del blog di VelvetMAG dedicato alla cronaca rosa e alle celebrities www.velvetgossip.it, di cui redige ogni mese la Rassegna Gossip.

Back to top button
Privacy